Aiutare i figli in caso di separazione dei genitori

Home/Aiutare i figli in caso di separazione dei genitori

Aiutare i figli in caso di separazione dei genitori

La separazione è un processo lungo e complesso che implica un importante cambiamento delle relazioni familiari. La coppia deve “digerire” il fallimento coniugale ed elaborare le emozioni ad esso collegate. Sul piano della genitorialità gli ex coniugi devono continuare a svolgere i ruoli di padre e madre, instaurando tra loro un rapporto di collaborazione e cooperazione basato sul rispetto reciproco. Sul piano sociale i rapporti con le rispettive famiglie d’origine e amici in comune andranno ridefiniti. La sofferenza dei figli connessa alla separazione è legata alla modalità con cui viene gestita dagli adulti la crisi coniugale e in particolare l’elevato livello di conflittualità che spesso caratterizza la fine della relazione. I genitori possono seguire alcuni consigli per aiutare i propri figli ad affrontare meglio la separazione.

– E’ importante accettare che i figli possano soffrire, anche se sono stati ripetutamente rassicurati rispetto alle paure di perdita. È  necessario che i bambini possano esprimere le loro emozioni, sostenuti dai genitori al libero dialogo. 

– Spiegare in che modo cambieranno le loro abitudini nel breve termine, dando un significato a quello che vedono e sentono, fornendo una spiegazione chiara, semplice e adeguata in base alla loro età. Inutile coinvolgerli in dettagli legali ed economici. 

– Rassicurare i figli rispetto al fatto che la separazione dei genitori non è colpa loro. I bambini, specie se piccoli, sono autocentrati e riconducono tutto ciò che accade a loro stessi. Si potrebbero facilmente convincere di aver causato il disaccordo tra i genitori, per aver assistito a litigi che in qualche modo li riguardavano.

– Rassicurare i figli che mamma e papà continueranno ad amarli, anche se separatamente, fornendo dei dettagli concreti su come lo faranno.

– Bisogna garantire ai figli l’accesso ad entrambi i genitori e far si che si sentano liberi di esprimere affetto

nei confronti di un genitore senza temere di perdere l’amore dell’altro.

– Evitare di viziarli a causa del senso di colpa dei genitori legato alla separazione. Questo atteggiamento legittima il bambino a ricoprire il ruolo di piccolo tiranno o di vittima che deve essere risarcita, invece di incoraggiarlo a trovare le risorse personali e sociali per affrontare il cambiamento.

– Ricordare sempre che i figli devono continuare ad essere tali e che non devono essere investiti di altri ruoli come quello del confidente e consolatore, del mediatore o dell’agente segreto.

Dott.ssa Dalila Visani

Psicologa e Psicoterapeuta

PER OTTENERE MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA QUI